Sfida golosa: LA CASSATA, Siciliana o Napoletana?

La cassata una golosità che varca confini ed attraversa il mare per inebriare le nostre papille gustative, è così che una volta degustata diventa impossibile cancellarne il sapore dalla memoria e dai sensi, da quel momento ogni volta che la ritroviamo esposta nelle vetrine di qualche pasticceria ritorna vivido al nostro palato il gusto inconfondibile e tutta l’armoniosa passione dolciaria della Sicilia.
Ma oggi vi voglio proporre una singolare sfida golosa, un duello all’ultimo morso fra la cassata siciliana e quella napoletana. Eh sì anche Napoli porta alta la bandiera di questo dolce, certamente con delle varianti che proprio per questo ci permettono di assaporare queste due versioni in tutto il loro sapore.
Scopriamo insieme le differenze!

LA CASSATA SICILIANA

cassatasicilianaarticolounyquelifestyleblog
A contraddistinguere la versione siciliana è senza dubbio la base fatta di ricotta,rigorosamente, di pecora, zucchero, pan di spagna, la meravigliosa pasta reale e la seducente frutta candita. Come per ogni dolce di prestigio che identifica le nostre regioni anche la cassata ha il periodo o festività di riferimento, infatti questo dolce veniva preparato anticamente durante il periodo pasquale, poi, vista la grande richiesta e l’identificazione regionale che andava assumendo, fu introdotta in tutte le altre festività ed oggi è possibile trovarla tutti i giorni in tutte le pasticcerie e bar.
In origine la cassata aveva un aspetto ed una preparazione diversa, la prima versione è al forno con l’impasto di ricotta e zucchero avvolto nella pasta frolla preparata dai cuochi della corte dell’Emiro a Palermo. La storia ci riporta alla dominazione araba in Sicila IX-XI Secolo quando gli arabi importarono la canna da zucchero, il cedro, la mandorla ed altri prodotti, di questo periodo sono le prime testimonianze, si narra infatti che fu proprio un contadino arabo per primo ad impastare la ricotta con lo zucchero e chiamò questo dolce “qas’at “. Da questa versione al forno cominciò l’evoluzione della cassata siciliana, da questo momento non sarà più infornata, punto di svolta fu nel periodo normanno quando le suore del Convento della Martorana crearono un impasto da sostituire con la pasta frolla, la dolcissima pasta reale. Direi la dolcissima e squisita pasta reale, per ottenerla l’impasto è rimasto invariato fino ai nostri giorni fatto di farina di mandorle e di colore verde.
Ma non finisce qui, sembra proprio che questo dolce abbia catturato l’interesse, così ad ogni dominazione ed in ogni epoca venivano apportate aggiunte per renderlo regale in tutti i sensi. Gli spagnoli, con il loro arrivo in Sicilia, introdussero nella ricetta il cioccolato ed il pan di spagna, infine nel periodo barocco, ricco di fronzoli, venne l’idea di arricchire, decorare e riempire la cassata con la frutta candita.
Da allora ogni provincia siciliana decise di fare sua una variante, soprattutto a livello decorativo, un tour de gustativo in terra sicula vi farà senza dubbio apprezzare tutte le varianti come quella siracusana, palermitana e catanese, quindi l’unica è… provarle tutte!

Ma i napoletani stanno a guardare? No di certo…ecco la nostra versione

LA CASSATA NAPOLETANA

cassatanapoletanaarticolounyquelifestyleblog
La base della cassata napoletana? La fantasia! In linea di massima la ricetta partenopea segue quella originale siciliana rendendola però più leggera nell’assaggio e leggermente più semplice nella preparazione.
La ricotta di pecora è sostituita da quella vaccina, il pan di spagna viene bagnato con lo Strega, liquore beneventano realizzato dal 1860 assolutamente naturale ottenuto dalla distillazione di circa 70 erbe e spezie provenienti da ogni parte del mondo, la pasta reale viene sostituita da zucchero fondente colato a copertura di tutto il dolce e le decorazioni sono molto più semplici, generalmente solo con ciliegie, cedro e arancio candito.
La tradizione napoletana richiede tassativamente la cassata nel periodo natalizio almeno per le preparazioni casalinghe, non preoccupatevi nelle pasticcerie fanno bella mostra di se anche durante l’anno.

Sarà ancora più divertente per questa sfida provare le versioni mignon, magari il senso di colpa è ridimensionato… a proposito, a Napoli la cassatina viene chiamata anche “raffiolo” nella forma classica total white oppure con la ciliegina.

cassatinepiccolearticolounyquelifestyleblog

Per questo straordinario dolce e per una degustazione in grande stile vi suggerisco due delle pasticcerie che frequento da sempre a Napoli e Palermo durante le mie trasferte siciliane.

A Napoli non si può non andare da Bellavia, Antica Pasticceria dal 1925. Capostipite delle golosità è Antonio Bellavia che da Palermo si trasferì a Napoli poco prima dell’apertura della sede a Port’Alba. Dopo qualche anno la sede si spostò al Vomero, quella che praticamente conoscevo da bambina. Oggi si contano tre sedi in tutta la città. Giunti alla quarta generazione di superbi pasticcieri non possono non menzionare Antonio Bellavia Junior che oltre a regalare squisitezze è divenuto uno dei volti storici della fiction napoletana “Un Posto al Sole”.
Voliamo a Palermo, qui non me ne vogliano gli amici, ci sarà modo di parlare di tutti, ma il regno della cassata per me è Spinnato, Antica Caffetteria dal 1860, qui è nato il mio amore per la cassata, e come si dice..il primo amore non si scorda mai. Da sempre sinonimo di bontà ed eccellenza, nel cuore della città, il salotto di Palermo fra chiacchiere, accoglienza siciliana e…sempre tanta gente.

Qualunque versione scegliate la cassata è un dolce che si lascia gustare, è un vero simbolo di festa ed allegria, racconta di occasioni speciali e festeggiamenti, assaggiarla riempie il cuore di gioia e soddisfazione! Ma mi raccomando….da assumere con moderazione!

Per questa sfida golosa, voi quale preferite? Siciliana o Napoletana?

Posted in FoodContrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...